Approfondimenti

Francia

Fin dal suo inizio, il voto elettronico è stato accolto con un certo scetticismo e opposizione, ma da nessuna parte più che in Francia.   Le elezioni generali del 2007 in Francia hanno dimostrato quanto possa essere forte l’opposizione al voto elettronico, anche di fronte a un’affluenza record. 

Le macchine per il voto elettronico in Francia sono state autorizzate per la prima volta nel 2004, sebbene le elezioni presidenziali del 2007 siano state la prima opportunità di utilizzare il voto elettronico nelle elezioni generali.   Le elezioni del primo turno hanno visto un record di affluenza alle urne dell’85% – 37,6 milioni di elettori in totale.   E del numero totale di elettori aventi diritto, si prevedeva che 1,5 milioni si sarebbero rivolti al voto elettronico invece del metodo tradizionale della busta elettorale e della scatola trasparente.    Una percentuale elevata, considerando che il voto elettronico era presente solo in 82 dei 36.000 distretti elettorali. 

Ma le elezioni del 2007 non erano state le prime elezioni “elettroniche”.   Nel 2003 per l’elezione dei rappresentanti all’Assemblea dei cittadini francesi all’estero, è stato permesso di utilizzare il voto via Internet a distanza.   Oltre il 60% dell’elettorato scelse di votare via Internet anziché utilizzare i voti cartacei.

Questa primo utilizzo del voto elettronico (sebbene non nei seggi elettorali o per grandi elezioni generali) avviò un’ondata di dibattito sull’uso di questo tipo di voto in futuro.   Il Forum des droits sur l’Internet nel 2003 pubblicò un rapporto di raccomandazione, “Qual è il futuro del voto elettronico in Francia?”, che chiarì le ragioni a favore e contro il voto elettronico, ma alla fine concluse che ” questo sistema di voto potrebbe essere introdotto nel processo elettorale francese seguendo un approccio graduale e ragionato”.   Lo stesso rapporto ha sostenuto che il voto elettronico semplifica il processo di voto, offre una maggiore opportunità di partecipazione politica ed è generalmente in linea con l’aumento dell’uso delle tecnologie dell’informazione e dei computer (TIC) in tutta la Francia.

Tuttavia, il dibattito che ha portato alle elezioni presidenziali del 2007 è stato per lo più unilaterale e tutto contro l’uso delle macchine per il voto.   Infatti, tutti i principali partiti politici, ad eccezione di Union pour un Mouvement Populaire (UMP), si sono opposti al voto elettronico nelle elezioni generali.   Tra i punti principali c’erano la sicurezza, la facilità d’uso e il costo delle macchine. 

Articoli disponibili nel blog di CRVD:

Error: Feed has an error or is not valid.

0 comments on “Francia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *