Vo­to elet­tro­ni­co sot­to at­tac­co

Po­li­ti­ci e in­for­ma­ti­ci in­ten­do­no lan­cia­re un’ini­zia­ti­va al fi­ne di bloc­ca­re per al­me­no 5 an­ni l’e-vo­ting Se­con­do un co­mi­ta­to in­ter­par­ti­ti­co il vo­to on­li­ne non è an­co­ra ab­ba­stan­za si­cu­ro e met­te­reb­be in pe­ri­co­lo la de­mo­cra­zia el­ve­ti­ca

laRegione / 26 Jan. 2019 / Ats/Ba­re

Bal­tha­sar Glät­tli (a de­stra) e Clau­dio Luck del Chaos Com­pu­ter Club

Il vo­to elet­tro­ni­co non è si­cu­ro. E di con­se­guen­za non de­ve es­se­re adot­ta­to, per il mo­men­to, a li­vel­lo na­zio­na­le. Lo so­sten­go­no in­for­ma­ti­ci e po­li­ti­ci, sia di de­stra, sia di si­ni­stra, che ie­ri han­no pre­sen­ta­to un’ini­zia­ti­va po­po­la­re che mi­ra a in­tro­dur­re una mo­ra­to­ria sull’e-vo­ting. Se­con­do un co­mi­ta­to in­ter­par­ti­ti­co, pre­sie­du­to dal con­si­glie­re na­zio­na­le Franz Grü­ter (Udc/Lu), il vo­to elet­tro­ni­co è un pe­ri­co­lo per la de­mo­cra­zia. Per i pro­mo­to­ri dell’ini­zia­ti­va, che do­vreb­be es­se­re uf­fi­cial­men­te lan­cia­ta a me­tà feb­bra­io, l’e-vo­ting va quin­di proi­bi­to al­me­no per cin­que an­ni. Il Par­la­men­to po­trà in se­gui­to re­vo­ca­re il di­vie­to, ma so­lo quan­do il vo­to elet­tro­ni­co sa­rà pro­tet­to da ma­ni­po­la­zio­ni al­me­no tan­to quan­to quel­lo tra­di­zio­na­le al­le ur­ne. In par­ti­co­la­re, gli elet­to­ri de­vo­no po­ter ve­ri­fi­ca­re le fa­si prin­ci­pa­li del vo­to an­che sen­za di­spor­re di par­ti­co­la­ri com­pe­ten­ze, de­ve es­se­re pos­si­bi­le de­ter­mi­na­re la ve­ra vo­lon­tà dei cit­ta­di­ni e in­fi­ne i con­teg­gi de­vo­no es­se­re af­fi­da­bi­li. At­tual­men­te que­ste con­di­zio­ni non so­no an­co­ra sod­di­sfat­te, ha di­chia­ra­to Grü­ter. A di­mo­stra­zio­ne di ciò, gli hac­ker di Chaos Com­pu­ter Club Swi­tzer­land (Ccc-Ch) han­no ci­ta­to l’esem­pio di Gi­ne­vra, do­ve so­no riu­sci­ti a vio­la­re il si­ste­ma di e-vo­ting. Lo scor­so no­vem­bre il Can­to­ne ave­va an­nun­cia­to che non avreb­be pro­se­gui­to con lo svi­lup­po del suo si­ste­ma, ma a cau­sa dei co­sti ele­va­ti e non dei pro­ble­mi di si­cu­rez­za emer­si. Per Grü­ter, pe­rò, que­sto ca­so di­mo­stra che il ri­schio di ma­ni­po­la­zio­ni in oc­ca­sio­ne di vo­ta­zio­ni o ele­zio­ne è al­to. Chia­ra­men­te è pos­si­bi­le im­bro­glia­re an­che vo­tan­do per cor­ri­spon­den­za, ha dal can­to suo af­fer­ma­to lo spe­cia­li­sta in­for­ma­ti­co non­ché con­si­glie­re na­zio­na­le Bal­tha­sar Glät­tli (Ver­di/Zh), ma nel vo­to elet­tro­ni­co è mol­to più fa­ci­le ef­fet­tua­re at­tac­chi su lar­ga sca­la. E que­sto mi­ne­reb­be la fon­da­men­ta­le fi­du­cia nel­la de­mo­cra­zia. Se­con­do l’ex con­si­glie­re na­zio­na­le so­cia­li­sta Jean Ch­ri­sto­phe Sch­waab (Vd), il vo­to elet­tro­ni­co por­te­reb­be an­che a un mi­nor con­trol­lo de­mo­cra­ti­co: a con­ta­re i vo­ti non sa­ran­no più sem­pli­ci cit­ta­di­ni co­me lui. Bi­so­gne­rà quin­di fi­dar­si cie­ca­men­te di po­chi esper­ti ad­det­ti al­la con­ta. Inol­tre, vi so­no azien­de pri­va­te che of­fro­no que­sti si­ste­mi e di con­se­guen­za sus­si­ste una mi­nac­cia di pri­va­tiz­za­zio­ne del pro­ces­so. Il fat­to che l’e-ban­king fun­zio­ni e sia mol­to dif­fu­so, non tran­quil­liz­za i pro­mo­to­ri dell’ini­zia­ti­va: in ca­so di at­tac­chi in­for­ma­ti­ci, la ban­ca ri­le­va del­le ano­ma­lie e i clien­ti con­sta­ta­no la man­can­za di sol­di sul con­to, ha so­ste­nu­to la gran­con­si­glie­ra zu­ri­ghe­se Pri­sca Kol­ler (Plr). In ca­so di ma­ni­po­la­zio­ni del vo­to elet­tro­ni­co nes­su­no si ac­cor­ge­reb­be del dan­no su­bi­to. Un at­tac­co hac­ker nuo­ce­reb­be quin­di all’in­te­ra so­cie­tà, e non so­lo al­la ban­ca o al suo clien­te, ha ag­giun­to. Stan­do ai pro­mo­to­ri dell’ini­zia­ti­va, di­ver­si Sta­ti eu­ro­pei han­no ri­nun­cia­to com­ple­ta­men­te al lo­ro si­ste­ma di vo­to elet­tro­ni­co. Ol­tre al­la vul­ne­ra­bi­li­tà, è in­fat­ti emer­so che l’e-vo­ting non au­men­ta la par­te­ci­pa­zio­ne al vo­to, nep­pu­re quel­la dei gio­va­ni. Inol­tre, il vo­to non vie­ne sem­pli­fi­ca­to vi­sto che è an­co­ra ne­ces­sa­rio spe­di­re una bu­sta: l’in­te­ro pro­ces­so vie­ne co­mun­que ef­fet­tua­to su car­ta e i co­sti so­no ele­va­ti. In Sviz­ze­ra il vo­to elet­tro­ni­co è at­tual­men­te pos­si­bi­le in via spe­ri­men­ta­le in die­ci can­to­ni. Se­con­do la Can­cel­le­ria fe­de­ra­le, in ol­tre 300 vo­ta­zio­ni su un pe­rio­do di 15 an­ni, non so­no sta­ti ri­scon­tra­ti pro­ble­mi so­stan­zia­li. L’e-vo­ting è quin­di si­cu­ro (cfr. ar­ti­co­lo sot­to). In di­cem­bre il Con­si­glio fe­de­ra­le ha in­fat­ti av­via­to una pro­ce­du­ra di con­sul­ta­zio­ne per una mo­di­fi­ca del­la leg­ge fe­de­ra­le sui di­rit­ti po­li­ti­ci al­lo sco­po di of­fri­re a tut­ti i cit­ta­di­ni que­sta pos­si­bi­li­tà, che si ag­giun­ge­rà al vo­to al­le ur­ne e per cor­ri­spon­den­za. Tut­ti i ten­ta­ti­vi di fer­ma­re ta­le in­tro­du­zio­ne so­no fal­li­ti, per que­sto il co­mi­ta­to ha de­ci­so di lan­cia­re l’ini­zia­ti­va. I pro­mo­to­ri avreb­be­ro an­che po­tu­to at­ten­de­re i ri­sul­ta­ti del­la con­sul­ta­zio­ne e se ne­ces­sa­rio lan­cia­re il re­fe­ren­dum, ma que­sto non im­pe­di­reb­be gli at­tua­li te­st, han­no spie­ga­to. La rac­col­ta del­le fir­me ini­zie­rà non ap­pe­na 10’000 cit­ta­di­ni si sa­ran­no det­ti di­spo­sti a rac­co­glie­re cin­que fir­me cia­scu­no.

Il vo­to elet­tro­ni­co non è si­cu­ro. E di con­se­guen­za non de­ve es­se­re adot­ta­to, per il mo­men­to, a li­vel­lo na­zio­na­le. Lo so­sten­go­no in­for­ma­ti­ci e po­li­ti­ci, sia di de­stra, sia di si­ni­stra, che ie­ri han­no pre­sen­ta­to un’ini­zia­ti­va po­po­la­re che mi­ra a in­tro­dur­re una mo­ra­to­ria sull’e-vo­ting. Se­con­do un co­mi­ta­to in­ter­par­ti­ti­co, pre­sie­du­to dal con­si­glie­re na­zio­na­le Franz Grü­ter (Udc/Lu), il vo­to elet­tro­ni­co è un pe­ri­co­lo per la de­mo­cra­zia. Per i pro­mo­to­ri dell’ini­zia­ti­va, che do­vreb­be es­se­re uf­fi­cial­men­te lan­cia­ta a me­tà feb­bra­io, l’e-vo­ting va quin­di proi­bi­to al­me­no per cin­que an­ni. Il Par­la­men­to po­trà in se­gui­to re­vo­ca­re il di­vie­to, ma so­lo quan­do il vo­to elet­tro­ni­co sa­rà pro­tet­to da ma­ni­po­la­zio­ni al­me­no tan­to quan­to quel­lo tra­di­zio­na­le al­le ur­ne. In par­ti­co­la­re, gli elet­to­ri de­vo­no po­ter ve­ri­fi­ca­re le fa­si prin­ci­pa­li del vo­to an­che sen­za di­spor­re di par­ti­co­la­ri com­pe­ten­ze, de­ve es­se­re pos­si­bi­le de­ter­mi­na­re la ve­ra vo­lon­tà dei cit­ta­di­ni e in­fi­ne i con­teg­gi de­vo­no es­se­re af­fi­da­bi­li. At­tual­men­te que­ste con­di­zio­ni non so­no an­co­ra sod­di­sfat­te, ha di­chia­ra­to Grü­ter. A di­mo­stra­zio­ne di ciò, gli hac­ker di Chaos Com­pu­ter Club Swi­tzer­land (Ccc-Ch) han­no ci­ta­to l’esem­pio di Gi­ne­vra, do­ve so­no riu­sci­ti a vio­la­re il si­ste­ma di e-vo­ting. Lo scor­so no­vem­bre il Can­to­ne ave­va an­nun­cia­to che non avreb­be pro­se­gui­to con lo svi­lup­po del suo si­ste­ma, ma a cau­sa dei co­sti ele­va­ti e non dei pro­ble­mi di si­cu­rez­za emer­si. Per Grü­ter, pe­rò, que­sto ca­so di­mo­stra che il ri­schio di ma­ni­po­la­zio­ni in oc­ca­sio­ne di vo­ta­zio­ni o ele­zio­ne è al­to. Chia­ra­men­te è pos­si­bi­le im­bro­glia­re an­che vo­tan­do per cor­ri­spon­den­za, ha dal can­to suo af­fer­ma­to lo spe­cia­li­sta in­for­ma­ti­co non­ché con­si­glie­re na­zio­na­le Bal­tha­sar Glät­tli (Ver­di/Zh), ma nel vo­to elet­tro­ni­co è mol­to più fa­ci­le ef­fet­tua­re at­tac­chi su lar­ga sca­la. E que­sto mi­ne­reb­be la fon­da­men­ta­le fi­du­cia nel­la de­mo­cra­zia. Se­con­do l’ex con­si­glie­re na­zio­na­le so­cia­li­sta Jean Ch­ri­sto­phe Sch­waab (Vd), il vo­to elet­tro­ni­co por­te­reb­be an­che a un mi­nor con­trol­lo de­mo­cra­ti­co: a con­ta­re i vo­ti non sa­ran­no più sem­pli­ci cit­ta­di­ni co­me lui. Bi­so­gne­rà quin­di fi­dar­si cie­ca­men­te di po­chi esper­ti ad­det­ti al­la con­ta. Inol­tre, vi so­no azien­de pri­va­te che of­fro­no que­sti si­ste­mi e di con­se­guen­za sus­si­ste una mi­nac­cia di pri­va­tiz­za­zio­ne del pro­ces­so. Il fat­to che l’e-ban­king fun­zio­ni e sia mol­to dif­fu­so, non tran­quil­liz­za i pro­mo­to­ri dell’ini­zia­ti­va: in ca­so di at­tac­chi in­for­ma­ti­ci, la ban­ca ri­le­va del­le ano­ma­lie e i clien­ti con­sta­ta­no la man­can­za di sol­di sul con­to, ha so­ste­nu­to la gran­con­si­glie­ra zu­ri­ghe­se Pri­sca Kol­ler (Plr). In ca­so di ma­ni­po­la­zio­ni del vo­to elet­tro­ni­co nes­su­no si ac­cor­ge­reb­be del dan­no su­bi­to. Un at­tac­co hac­ker nuo­ce­reb­be quin­di all’in­te­ra so­cie­tà, e non so­lo al­la ban­ca o al suo clien­te, ha ag­giun­to. Stan­do ai pro­mo­to­ri dell’ini­zia­ti­va, di­ver­si Sta­ti eu­ro­pei han­no ri­nun­cia­to com­ple­ta­men­te al lo­ro si­ste­ma di vo­to elet­tro­ni­co. Ol­tre al­la vul­ne­ra­bi­li­tà, è in­fat­ti emer­so che l’e-vo­ting non au­men­ta la par­te­ci­pa­zio­ne al vo­to, nep­pu­re quel­la dei gio­va­ni. Inol­tre, il vo­to non vie­ne sem­pli­fi­ca­to vi­sto che è an­co­ra ne­ces­sa­rio spe­di­re una bu­sta: l’in­te­ro pro­ces­so vie­ne co­mun­que ef­fet­tua­to su car­ta e i co­sti so­no ele­va­ti. In Sviz­ze­ra il vo­to elet­tro­ni­co è at­tual­men­te pos­si­bi­le in via spe­ri­men­ta­le in die­ci can­to­ni. Se­con­do la Can­cel­le­ria fe­de­ra­le, in ol­tre 300 vo­ta­zio­ni su un pe­rio­do di 15 an­ni, non so­no sta­ti ri­scon­tra­ti pro­ble­mi so­stan­zia­li. L’e-vo­ting è quin­di si­cu­ro (cfr. ar­ti­co­lo sot­to). In di­cem­bre il Con­si­glio fe­de­ra­le ha in­fat­ti av­via­to una pro­ce­du­ra di con­sul­ta­zio­ne per una mo­di­fi­ca del­la leg­ge fe­de­ra­le sui di­rit­ti po­li­ti­ci al­lo sco­po di of­fri­re a tut­ti i cit­ta­di­ni que­sta pos­si­bi­li­tà, che si ag­giun­ge­rà al vo­to al­le ur­ne e per cor­ri­spon­den­za. Tut­ti i ten­ta­ti­vi di fer­ma­re ta­le in­tro­du­zio­ne so­no fal­li­ti, per que­sto il co­mi­ta­to ha de­ci­so di lan­cia­re l’ini­zia­ti­va. I pro­mo­to­ri avreb­be­ro an­che po­tu­to at­ten­de­re i ri­sul­ta­ti del­la con­sul­ta­zio­ne e se ne­ces­sa­rio lan­cia­re il re­fe­ren­dum, ma que­sto non im­pe­di­reb­be gli at­tua­li te­st, han­no spie­ga­to. La rac­col­ta del­le fir­me ini­zie­rà non ap­pe­na 10’000 cit­ta­di­ni si sa­ran­no det­ti di­spo­sti a rac­co­glie­re cin­que fir­me cia­scu­no.

Il vo­to elet­tro­ni­co non è si­cu­ro. E di con­se­guen­za non de­ve es­se­re adot­ta­to, per il mo­men­to, a li­vel­lo na­zio­na­le. Lo so­sten­go­no in­for­ma­ti­ci e po­li­ti­ci, sia di de­stra, sia di si­ni­stra, che ie­ri han­no pre­sen­ta­to un’ini­zia­ti­va po­po­la­re che mi­ra a in­tro­dur­re una mo­ra­to­ria sull’e-vo­ting. Se­con­do un co­mi­ta­to in­ter­par­ti­ti­co, pre­sie­du­to dal con­si­glie­re na­zio­na­le Franz Grü­ter (Udc/Lu), il vo­to elet­tro­ni­co è un pe­ri­co­lo per la de­mo­cra­zia. Per i pro­mo­to­ri dell’ini­zia­ti­va, che do­vreb­be es­se­re uf­fi­cial­men­te lan­cia­ta a me­tà feb­bra­io, l’e-vo­ting va quin­di proi­bi­to al­me­no per cin­que an­ni. Il Par­la­men­to po­trà in se­gui­to re­vo­ca­re il di­vie­to, ma so­lo quan­do il vo­to elet­tro­ni­co sa­rà pro­tet­to da ma­ni­po­la­zio­ni al­me­no tan­to quan­to quel­lo tra­di­zio­na­le al­le ur­ne. In par­ti­co­la­re, gli elet­to­ri de­vo­no po­ter ve­ri­fi­ca­re le fa­si prin­ci­pa­li del vo­to an­che sen­za di­spor­re di par­ti­co­la­ri com­pe­ten­ze, de­ve es­se­re pos­si­bi­le de­ter­mi­na­re la ve­ra vo­lon­tà dei cit­ta­di­ni e in­fi­ne i con­teg­gi de­vo­no es­se­re af­fi­da­bi­li. At­tual­men­te que­ste con­di­zio­ni non so­no an­co­ra sod­di­sfat­te, ha di­chia­ra­to Grü­ter. A di­mo­stra­zio­ne di ciò, gli hac­ker di Chaos Com­pu­ter Club Swi­tzer­land (Ccc-Ch) han­no ci­ta­to l’esem­pio di Gi­ne­vra, do­ve so­no riu­sci­ti a vio­la­re il si­ste­ma di e-vo­ting. Lo scor­so no­vem­bre il Can­to­ne ave­va an­nun­cia­to che non avreb­be pro­se­gui­to con lo svi­lup­po del suo si­ste­ma, ma a cau­sa dei co­sti ele­va­ti e non dei pro­ble­mi di si­cu­rez­za emer­si. Per Grü­ter, pe­rò, que­sto ca­so di­mo­stra che il ri­schio di ma­ni­po­la­zio­ni in oc­ca­sio­ne di vo­ta­zio­ni o ele­zio­ne è al­to. Chia­ra­men­te è pos­si­bi­le im­bro­glia­re an­che vo­tan­do per cor­ri­spon­den­za, ha dal can­to suo af­fer­ma­to lo spe­cia­li­sta in­for­ma­ti­co non­ché con­si­glie­re na­zio­na­le Bal­tha­sar Glät­tli (Ver­di/Zh), ma nel vo­to elet­tro­ni­co è mol­to più fa­ci­le ef­fet­tua­re at­tac­chi su lar­ga sca­la. E que­sto mi­ne­reb­be la fon­da­men­ta­le fi­du­cia nel­la de­mo­cra­zia. Se­con­do l’ex con­si­glie­re na­zio­na­le so­cia­li­sta Jean Ch­ri­sto­phe Sch­waab (Vd), il vo­to elet­tro­ni­co por­te­reb­be an­che a un mi­nor con­trol­lo de­mo­cra­ti­co: a con­ta­re i vo­ti non sa­ran­no più sem­pli­ci cit­ta­di­ni co­me lui. Bi­so­gne­rà quin­di fi­dar­si cie­ca­men­te di po­chi esper­ti ad­det­ti al­la con­ta. Inol­tre, vi so­no azien­de pri­va­te che of­fro­no que­sti si­ste­mi e di con­se­guen­za sus­si­ste una mi­nac­cia di pri­va­tiz­za­zio­ne del pro­ces­so. Il fat­to che l’e-ban­king fun­zio­ni e sia mol­to dif­fu­so, non tran­quil­liz­za i pro­mo­to­ri dell’ini­zia­ti­va: in ca­so di at­tac­chi in­for­ma­ti­ci, la ban­ca ri­le­va del­le ano­ma­lie e i clien­ti con­sta­ta­no la man­can­za di sol­di sul con­to, ha so­ste­nu­to la gran­con­si­glie­ra zu­ri­ghe­se Pri­sca Kol­ler (Plr). In ca­so di ma­ni­po­la­zio­ni del vo­to elet­tro­ni­co nes­su­no si ac­cor­ge­reb­be del dan­no su­bi­to. Un at­tac­co hac­ker nuo­ce­reb­be quin­di all’in­te­ra so­cie­tà, e non so­lo al­la ban­ca o al suo clien­te, ha ag­giun­to. Stan­do ai pro­mo­to­ri dell’ini­zia­ti­va, di­ver­si Sta­ti eu­ro­pei han­no ri­nun­cia­to com­ple­ta­men­te al lo­ro si­ste­ma di vo­to elet­tro­ni­co. Ol­tre al­la vul­ne­ra­bi­li­tà, è in­fat­ti emer­so che l’e-vo­ting non au­men­ta la par­te­ci­pa­zio­ne al vo­to, nep­pu­re quel­la dei gio­va­ni. Inol­tre, il vo­to non vie­ne sem­pli­fi­ca­to vi­sto che è an­co­ra ne­ces­sa­rio spe­di­re una bu­sta: l’in­te­ro pro­ces­so vie­ne co­mun­que ef­fet­tua­to su car­ta e i co­sti so­no ele­va­ti. In Sviz­ze­ra il vo­to elet­tro­ni­co è at­tual­men­te pos­si­bi­le in via spe­ri­men­ta­le in die­ci can­to­ni. Se­con­do la Can­cel­le­ria fe­de­ra­le, in ol­tre 300 vo­ta­zio­ni su un pe­rio­do di 15 an­ni, non so­no sta­ti ri­scon­tra­ti pro­ble­mi so­stan­zia­li. L’e-vo­ting è quin­di si­cu­ro (cfr. ar­ti­co­lo sot­to). In di­cem­bre il Con­si­glio fe­de­ra­le ha in­fat­ti av­via­to una pro­ce­du­ra di con­sul­ta­zio­ne per una mo­di­fi­ca del­la leg­ge fe­de­ra­le sui di­rit­ti po­li­ti­ci al­lo sco­po di of­fri­re a tut­ti i cit­ta­di­ni que­sta pos­si­bi­li­tà, che si ag­giun­ge­rà al vo­to al­le ur­ne e per cor­ri­spon­den­za. Tut­ti i ten­ta­ti­vi di fer­ma­re ta­le in­tro­du­zio­ne so­no fal­li­ti, per que­sto il co­mi­ta­to ha de­ci­so di lan­cia­re l’ini­zia­ti­va. I pro­mo­to­ri avreb­be­ro an­che po­tu­to at­ten­de­re i ri­sul­ta­ti del­la con­sul­ta­zio­ne e se ne­ces­sa­rio lan­cia­re il re­fe­ren­dum, ma que­sto non im­pe­di­reb­be gli at­tua­li te­st, han­no spie­ga­to. La rac­col­ta del­le fir­me ini­zie­rà non ap­pe­na 10’000 cit­ta­di­ni si sa­ran­no det­ti di­spo­sti a rac­co­glie­re cin­que fir­me cia­scu­no.

Il vo­to elet­tro­ni­co non è si­cu­ro. E di con­se­guen­za non de­ve es­se­re adot­ta­to, per il mo­men­to, a li­vel­lo na­zio­na­le. Lo so­sten­go­no in­for­ma­ti­ci e po­li­ti­ci, sia di de­stra, sia di si­ni­stra, che ie­ri han­no pre­sen­ta­to un’ini­zia­ti­va po­po­la­re che mi­ra a in­tro­dur­re una mo­ra­to­ria sull’e-vo­ting. Se­con­do un co­mi­ta­to in­ter­par­ti­ti­co, pre­sie­du­to dal con­si­glie­re na­zio­na­le Franz Grü­ter (Udc/Lu), il vo­to elet­tro­ni­co è un pe­ri­co­lo per la de­mo­cra­zia. Per i pro­mo­to­ri dell’ini­zia­ti­va, che do­vreb­be es­se­re uf­fi­cial­men­te lan­cia­ta a me­tà feb­bra­io, l’e-vo­ting va quin­di proi­bi­to al­me­no per cin­que an­ni. Il Par­la­men­to po­trà in se­gui­to re­vo­ca­re il di­vie­to, ma so­lo quan­do il vo­to elet­tro­ni­co sa­rà pro­tet­to da ma­ni­po­la­zio­ni al­me­no tan­to quan­to quel­lo tra­di­zio­na­le al­le ur­ne. In par­ti­co­la­re, gli elet­to­ri de­vo­no po­ter ve­ri­fi­ca­re le fa­si prin­ci­pa­li del vo­to an­che sen­za di­spor­re di par­ti­co­la­ri com­pe­ten­ze, de­ve es­se­re pos­si­bi­le de­ter­mi­na­re la ve­ra vo­lon­tà dei cit­ta­di­ni e in­fi­ne i con­teg­gi de­vo­no es­se­re af­fi­da­bi­li. At­tual­men­te que­ste con­di­zio­ni non so­no an­co­ra sod­di­sfat­te, ha di­chia­ra­to Grü­ter. A di­mo­stra­zio­ne di ciò, gli hac­ker di Chaos Com­pu­ter Club Swi­tzer­land (Ccc-Ch) han­no ci­ta­to l’esem­pio di Gi­ne­vra, do­ve so­no riu­sci­ti a vio­la­re il si­ste­ma di e-vo­ting. Lo scor­so no­vem­bre il Can­to­ne ave­va an­nun­cia­to che non avreb­be pro­se­gui­to con lo svi­lup­po del suo si­ste­ma, ma a cau­sa dei co­sti ele­va­ti e non dei pro­ble­mi di si­cu­rez­za emer­si. Per Grü­ter, pe­rò, que­sto ca­so di­mo­stra che il ri­schio di ma­ni­po­la­zio­ni in oc­ca­sio­ne di vo­ta­zio­ni o ele­zio­ne è al­to. Chia­ra­men­te è pos­si­bi­le im­bro­glia­re an­che vo­tan­do per cor­ri­spon­den­za, ha dal can­to suo af­fer­ma­to lo spe­cia­li­sta in­for­ma­ti­co non­ché con­si­glie­re na­zio­na­le Bal­tha­sar Glät­tli (Ver­di/Zh), ma nel vo­to elet­tro­ni­co è mol­to più fa­ci­le ef­fet­tua­re at­tac­chi su lar­ga sca­la. E que­sto mi­ne­reb­be la fon­da­men­ta­le fi­du­cia nel­la de­mo­cra­zia. Se­con­do l’ex con­si­glie­re na­zio­na­le so­cia­li­sta Jean Ch­ri­sto­phe Sch­waab (Vd), il vo­to elet­tro­ni­co por­te­reb­be an­che a un mi­nor con­trol­lo de­mo­cra­ti­co: a con­ta­re i vo­ti non sa­ran­no più sem­pli­ci cit­ta­di­ni co­me lui. Bi­so­gne­rà quin­di fi­dar­si cie­ca­men­te di po­chi esper­ti ad­det­ti al­la con­ta. Inol­tre, vi so­no azien­de pri­va­te che of­fro­no que­sti si­ste­mi e di con­se­guen­za sus­si­ste una mi­nac­cia di pri­va­tiz­za­zio­ne del pro­ces­so. Il fat­to che l’e-ban­king fun­zio­ni e sia mol­to dif­fu­so, non tran­quil­liz­za i pro­mo­to­ri dell’ini­zia­ti­va: in ca­so di at­tac­chi in­for­ma­ti­ci, la ban­ca ri­le­va del­le ano­ma­lie e i clien­ti con­sta­ta­no la man­can­za di sol­di sul con­to, ha so­ste­nu­to la gran­con­si­glie­ra zu­ri­ghe­se Pri­sca Kol­ler (Plr). In ca­so di ma­ni­po­la­zio­ni del vo­to elet­tro­ni­co nes­su­no si ac­cor­ge­reb­be del dan­no su­bi­to. Un at­tac­co hac­ker nuo­ce­reb­be quin­di all’in­te­ra so­cie­tà, e non so­lo al­la ban­ca o al suo clien­te, ha ag­giun­to. Stan­do ai pro­mo­to­ri dell’ini­zia­ti­va, di­ver­si Sta­ti eu­ro­pei han­no ri­nun­cia­to com­ple­ta­men­te al lo­ro si­ste­ma di vo­to elet­tro­ni­co. Ol­tre al­la vul­ne­ra­bi­li­tà, è in­fat­ti emer­so che l’e-vo­ting non au­men­ta la par­te­ci­pa­zio­ne al vo­to, nep­pu­re quel­la dei gio­va­ni. Inol­tre, il vo­to non vie­ne sem­pli­fi­ca­to vi­sto che è an­co­ra ne­ces­sa­rio spe­di­re una bu­sta: l’in­te­ro pro­ces­so vie­ne co­mun­que ef­fet­tua­to su car­ta e i co­sti so­no ele­va­ti. In Sviz­ze­ra il vo­to elet­tro­ni­co è at­tual­men­te pos­si­bi­le in via spe­ri­men­ta­le in die­ci can­to­ni. Se­con­do la Can­cel­le­ria fe­de­ra­le, in ol­tre 300 vo­ta­zio­ni su un pe­rio­do di 15 an­ni, non so­no sta­ti ri­scon­tra­ti pro­ble­mi so­stan­zia­li. L’e-vo­ting è quin­di si­cu­ro (cfr. ar­ti­co­lo sot­to). In di­cem­bre il Con­si­glio fe­de­ra­le ha in­fat­ti av­via­to una pro­ce­du­ra di con­sul­ta­zio­ne per una mo­di­fi­ca del­la leg­ge fe­de­ra­le sui di­rit­ti po­li­ti­ci al­lo sco­po di of­fri­re a tut­ti i cit­ta­di­ni que­sta pos­si­bi­li­tà, che si ag­giun­ge­rà al vo­to al­le ur­ne e per cor­ri­spon­den­za. Tut­ti i ten­ta­ti­vi di fer­ma­re ta­le in­tro­du­zio­ne so­no fal­li­ti, per que­sto il co­mi­ta­to ha de­ci­so di lan­cia­re l’ini­zia­ti­va. I pro­mo­to­ri avreb­be­ro an­che po­tu­to at­ten­de­re i ri­sul­ta­ti del­la con­sul­ta­zio­ne e se ne­ces­sa­rio lan­cia­re il re­fe­ren­dum, ma que­sto non im­pe­di­reb­be gli at­tua­li te­st, han­no spie­ga­to. La rac­col­ta del­le fir­me ini­zie­rà non ap­pe­na 10’000 cit­ta­di­ni si sa­ran­no det­ti di­spo­sti a rac­co­glie­re cin­que fir­me cia­scu­no.

Il vo­to elet­tro­ni­co non è si­cu­ro. E di con­se­guen­za non de­ve es­se­re adot­ta­to, per il mo­men­to, a li­vel­lo na­zio­na­le. Lo so­sten­go­no in­for­ma­ti­ci e po­li­ti­ci, sia di de­stra, sia di si­ni­stra, che ie­ri han­no pre­sen­ta­to un’ini­zia­ti­va po­po­la­re che mi­ra a in­tro­dur­re una mo­ra­to­ria sull’e-vo­ting. Se­con­do un co­mi­ta­to in­ter­par­ti­ti­co, pre­sie­du­to dal con­si­glie­re na­zio­na­le Franz Grü­ter (Udc/Lu), il vo­to elet­tro­ni­co è un pe­ri­co­lo per la de­mo­cra­zia. Per i pro­mo­to­ri dell’ini­zia­ti­va, che do­vreb­be es­se­re uf­fi­cial­men­te lan­cia­ta a me­tà feb­bra­io, l’e-vo­ting va quin­di proi­bi­to al­me­no per cin­que an­ni. Il Par­la­men­to po­trà in se­gui­to re­vo­ca­re il di­vie­to, ma so­lo quan­do il vo­to elet­tro­ni­co sa­rà pro­tet­to da ma­ni­po­la­zio­ni al­me­no tan­to quan­to quel­lo tra­di­zio­na­le al­le ur­ne. In par­ti­co­la­re, gli elet­to­ri de­vo­no po­ter ve­ri­fi­ca­re le fa­si prin­ci­pa­li del vo­to an­che sen­za di­spor­re di par­ti­co­la­ri com­pe­ten­ze, de­ve es­se­re pos­si­bi­le de­ter­mi­na­re la ve­ra vo­lon­tà dei cit­ta­di­ni e in­fi­ne i con­teg­gi de­vo­no es­se­re af­fi­da­bi­li. At­tual­men­te que­ste con­di­zio­ni non so­no an­co­ra sod­di­sfat­te, ha di­chia­ra­to Grü­ter. A di­mo­stra­zio­ne di ciò, gli hac­ker di Chaos Com­pu­ter Club Swi­tzer­land (Ccc-Ch) han­no ci­ta­to l’esem­pio di Gi­ne­vra, do­ve so­no riu­sci­ti a vio­la­re il si­ste­ma di e-vo­ting. Lo scor­so no­vem­bre il Can­to­ne ave­va an­nun­cia­to che non avreb­be pro­se­gui­to con lo svi­lup­po del suo si­ste­ma, ma a cau­sa dei co­sti ele­va­ti e non dei pro­ble­mi di si­cu­rez­za emer­si. Per Grü­ter, pe­rò, que­sto ca­so di­mo­stra che il ri­schio di ma­ni­po­la­zio­ni in oc­ca­sio­ne di vo­ta­zio­ni o ele­zio­ne è al­to. Chia­ra­men­te è pos­si­bi­le im­bro­glia­re an­che vo­tan­do per cor­ri­spon­den­za, ha dal can­to suo af­fer­ma­to lo spe­cia­li­sta in­for­ma­ti­co non­ché con­si­glie­re na­zio­na­le Bal­tha­sar Glät­tli (Ver­di/Zh), ma nel vo­to elet­tro­ni­co è mol­to più fa­ci­le ef­fet­tua­re at­tac­chi su lar­ga sca­la. E que­sto mi­ne­reb­be la fon­da­men­ta­le fi­du­cia nel­la de­mo­cra­zia. Se­con­do l’ex con­si­glie­re na­zio­na­le so­cia­li­sta Jean Ch­ri­sto­phe Sch­waab (Vd), il vo­to elet­tro­ni­co por­te­reb­be an­che a un mi­nor con­trol­lo de­mo­cra­ti­co: a con­ta­re i vo­ti non sa­ran­no più sem­pli­ci cit­ta­di­ni co­me lui. Bi­so­gne­rà quin­di fi­dar­si cie­ca­men­te di po­chi esper­ti ad­det­ti al­la con­ta. Inol­tre, vi so­no azien­de pri­va­te che of­fro­no que­sti si­ste­mi e di con­se­guen­za sus­si­ste una mi­nac­cia di pri­va­tiz­za­zio­ne del pro­ces­so. Il fat­to che l’e-ban­king fun­zio­ni e sia mol­to dif­fu­so, non tran­quil­liz­za i pro­mo­to­ri dell’ini­zia­ti­va: in ca­so di at­tac­chi in­for­ma­ti­ci, la ban­ca ri­le­va del­le ano­ma­lie e i clien­ti con­sta­ta­no la man­can­za di sol­di sul con­to, ha so­ste­nu­to la gran­con­si­glie­ra zu­ri­ghe­se Pri­sca Kol­ler (Plr). In ca­so di ma­ni­po­la­zio­ni del vo­to elet­tro­ni­co nes­su­no si ac­cor­ge­reb­be del dan­no su­bi­to. Un at­tac­co hac­ker nuo­ce­reb­be quin­di all’in­te­ra so­cie­tà, e non so­lo al­la ban­ca o al suo clien­te, ha ag­giun­to. Stan­do ai pro­mo­to­ri dell’ini­zia­ti­va, di­ver­si Sta­ti eu­ro­pei han­no ri­nun­cia­to com­ple­ta­men­te al lo­ro si­ste­ma di vo­to elet­tro­ni­co. Ol­tre al­la vul­ne­ra­bi­li­tà, è in­fat­ti emer­so che l’e-vo­ting non au­men­ta la par­te­ci­pa­zio­ne al vo­to, nep­pu­re quel­la dei gio­va­ni. Inol­tre, il vo­to non vie­ne sem­pli­fi­ca­to vi­sto che è an­co­ra ne­ces­sa­rio spe­di­re una bu­sta: l’in­te­ro pro­ces­so vie­ne co­mun­que ef­fet­tua­to su car­ta e i co­sti so­no ele­va­ti. In Sviz­ze­ra il vo­to elet­tro­ni­co è at­tual­men­te pos­si­bi­le in via spe­ri­men­ta­le in die­ci can­to­ni. Se­con­do la Can­cel­le­ria fe­de­ra­le, in ol­tre 300 vo­ta­zio­ni su un pe­rio­do di 15 an­ni, non so­no sta­ti ri­scon­tra­ti pro­ble­mi so­stan­zia­li. L’e-vo­ting è quin­di si­cu­ro (cfr. ar­ti­co­lo sot­to). In di­cem­bre il Con­si­glio fe­de­ra­le ha in­fat­ti av­via­to una pro­ce­du­ra di con­sul­ta­zio­ne per una mo­di­fi­ca del­la leg­ge fe­de­ra­le sui di­rit­ti po­li­ti­ci al­lo sco­po di of­fri­re a tut­ti i cit­ta­di­ni que­sta pos­si­bi­li­tà, che si ag­giun­ge­rà al vo­to al­le ur­ne e per cor­ri­spon­den­za. Tut­ti i ten­ta­ti­vi di fer­ma­re ta­le in­tro­du­zio­ne so­no fal­li­ti, per que­sto il co­mi­ta­to ha de­ci­so di lan­cia­re l’ini­zia­ti­va. I pro­mo­to­ri avreb­be­ro an­che po­tu­to at­ten­de­re i ri­sul­ta­ti del­la con­sul­ta­zio­ne e se ne­ces­sa­rio lan­cia­re il re­fe­ren­dum, ma que­sto non im­pe­di­reb­be gli at­tua­li te­st, han­no spie­ga­to. La rac­col­ta del­le fir­me ini­zie­rà non ap­pe­na 10’000 cit­ta­di­ni si sa­ran­no det­ti di­spo­sti a rac­co­glie­re cin­que fir­me cia­scu­no.

Voto elettronico in Italia, tutte le fake news che distorcono il dibattito politico

Il dibattito sul voto elettronico in Italia, ora sostenuto anche dal M5S (con blockchain), è inquinato dalle fake news e distorto anche dallo spettro della speculazione finanziaria sulle criptovalute. Proviamo a separare i fatti dal rumore e fare chiarezza su quello che non può essere considerato un problema “tecnologico”

di Emmanuele Somma (Comitato dei Requisiti del Voto in Democrazia)
Pubblicato in Agenda Digitale il 21/01/2019

Quello del voto elettronico non è solo un problema tecnologico che si può pensare di risolvere a colpi di algoritmi. Ma ne va della democrazia stessa. Bisogna tenere in mente questi assunti, che si affermano a livello europeo, in questi giorni in cui il M5S spinge per provare il voto elettronico già alle prossime presidenziali.

Quando si parla di voto elettronico e blockchain, soprattutto, occorre saper separare la realtà dal rumore e sarebbe importante avere una forte competenza di procedure elettorali o di diritto costituzionale.

Eppure, i vertici e alcuni esponenti del M5s ignorano questo dato di fatto e sembrano determinati a portare a casa il risultato anche a costo di inquinare il dibattito propagando fake news. Smontiamo, dati alla mano, quelle più frequenti.

Voto elettronico: Lega e M5s su fronti divergenti

Partiamo da un’evidenza: l’entusiasmo del M5S sul tema del voto elettronico non è corrisposto dall’impegno dell’alleato di governo. Del resto, si tratta di un argomento che non trova spazio nel contratto di Governo. Eppure viene spesso evocato dai vertici del M5S. È recentissima una dichiarazione in tal senso del Vicepremier Luigi Di Maio.

Una recente interrogazione presentata dall’On. Mancina del M5S che chiede al Ministro dell’Interno di «adottare iniziative, anche normative, finalizzate all’introduzione, graduale e progressiva del sistema di voto elettronico, considerando in primis, a tale scopo, la tecnologia cosiddetta blockchain» ha ricevuto una risposta ai limiti della censura: dopo aver ricordato le tante sperimentazioni fatte fin dal 2001, e l’esperienza dello scrutinio elettronico del voto nel 2006 (il cui fallimento segnò una battuta d’arresto globale dell’introduzione dei computer nei seggi elettorali), il Ministro aggiunge: «L’esperienza maturata nel nostro Paese e i risultati non sempre positivi registrati in altri contesti europei, ci confermano nell’idea che una riforma di siffatta portata richieda una particolare riflessione, non solo sulle ricadute di ordine finanziario bensì, principalmente, sulla sicurezza dei sistemi hardware e software e delle reti di connettività, ciò per garantire al massimo livello il principio della segretezza del voto. A tal riguardo, potrebbe risultare utile ed opportuno, al fine di un eventuale intervento legislativo, approfondire tutti i vari aspetti del procedimento elettorale».

Dopodiché il ministro propone la costituzione di un ennesimo gruppo tecnico sull’argomento che finisca per «delineare un modello che contemperi le esigenze di modernizzazione e snellimento delle procedure elettorali con le garanzie costituzionali.» Se non è una porta sbattuta in faccia al M5S, manca poco.

Voto elettronico e informatizzazione della PA

Ad ascoltare le dichiarazioni, sembra che il M5S consideri l’assenza di un processo elettorale non informatizzato quasi come un vistoso foruncolo in un panorama idilliaco della Pubblica Amministrazione, come se questa fosse tutta già completamente informatizzata.

In realtà l’informatizzazione dei servizi pubblici affonda in un insieme di misure contraddittorie, inefficaci, spesso mal progettate e peggio realizzate, non raramente modellate per mantenere inalterate le aggregazioni di potere dei vari czar dei ministeri o delle società pubbliche. Invece di procedere a disboscare questa selva di mostruosità digitali e non solo, come aveva provato a fare il Commissario straordinario Diego Piacentini, e come si appresta a fare il suo neonominato successore Luca Attias si vuol metter mano ad altro, ballando su un terreno sdrucciolevole e controverso come quello del voto elettronico. Ci sarebbe ampio spazio di miglioramento nella PA, senza andare a scomodare il voto elettronico.

Non si tratta quindi di essere contrari all’uso delle nuove tecnologie per migliorare l’esperienza del cittadino nel campo delle procedure democratiche. Ben vengano, anzi. Ma bisogna farlo, come dice il Ministro dell’Interno, non rinunciando ad «una particolare riflessione, non solo sulle ricadute di ordine finanziario bensì, principalmente, sulla sicurezza dei sistemi».

Soprattutto innalzando, e non riducendo, le garanzie democratiche dei cittadini.

Voto elettronico: dibattito inquinato dalle fake news

Gli esponenti del M5S sono invece determinati a raggiungere i risultati della propria agenda a discapito di un corretto confronto, non raramente inquinando il dibattito con la propagazione di fake news. In una recente intervista di Lettera43 a Davide Casaleggio[1] il presidente sia della Casaleggio Associati che dell’Associazione Rousseau, che propone un proprio sistema di voto basato su blockchain, fa riferimento alla notizia che il Sierra Leone avrebbe usato questo sistema per le proprie elezioni. È la stessa notizia che il blog di Beppe Grillo aveva riportato a marzo[2] e da lì velocemente propagato sui media allineati al movimento[3] e altri organi di stampa meno attenti alla verifica delle fonti.[4]> Fin dalla metà di marzo, cioè solo qualche giorno dopo la sua prima apparizione, la notizia era stata nettamente smentita dalla Commissione elettorale nazionale del Sierra Leone e ridimensionata per quello che è veramente stato: una società privata aveva fatto, in autonomia e senza nessun collegamento con il sistema elettorale, una sorta di simulazione della votazione senza alcun valore. Quindi mai nessuna blockchain era stata usata nelle elezioni in Sierra Leone: perché continuare a propagandare, mesi dopo la smentita, questa notizia come vera per forzare un dibattito inquinato?[5] Perché, richiesta rettifica più volte, i gestori del blog di Beppe Grillo mantengono quella notizia falsa online?

Casaleggio e altri del suo partito, come l’onorevole Brescia in un’altra recente intervista a Motherboard, fanno riferimento ad altri casi di uso della blockchain nelle elezioni: nella città svizzera di Zugo, di quella giapponese di Tsukuba e del West Virginia.

Il caso di Zugo

Anche in questo caso i riferimenti sono inquinati, pur non essendo completamente fasulli come quelli del Sierra Leone. Il comune di Zugo in Svizzera (30.000 abitanti[6]), secondo CoinTelegraph «è diventato famoso meno per le sue vedute sulle montagne e la pittoresca architettura svizzera, più per la sua associazione con basse aliquote fiscali e criptovaluta. Il recente afflusso di gruppi di cripto che hanno stabilito basi nel cantone centrale ha portato alla sua soprannominazione di “CryptoValley”. Desiderosa di affermarsi come una capitale della blockchain, il comune consente il pagamento in Bitcoin per i servizi e ha recentemente completato un processo di successo del voto blockchain. Il voto su piccola scala ha coinvolto solo 72 dei 240 cittadini con accesso al sistema di voto online, che hanno partecipato al voto del processo non vincolante tra il 25 giugno e il primo luglio.»[7]/p>

Possibile che Davide Casaleggio pensi veramente che una votazione con 72 votanti sia un precedente significativo per introdurre le elezioni con voto elettronico basate su blockchain nelle elezioni politiche degli oltre 50 milioni di italiani? Possibile che non si sappia o non si voglia comprendere che molte news che circolano sono gonfiate ad arte solo per sostenere l’ampia speculazione finanziaria che è in atto sulle criptovalute?

Tsukuba e West Virginia

A Tsukuba[8] in Giappone, citata a più riprese dal M5S, il voto con blockchain si è svolto non per eleggere qualcuno ma per selezionare un vincitore in un concorso tra progetti finanziati della città. Si è trattato, in questo caso, di un voto palese in cui i votanti erano identificati da un proprio numero univoco. Anche Tsukuba può essere considerata una sorta di Crypto Valley giapponese. Possibile, anche qui, che Casaleggio creda che un voto palese possa essere un precedente adeguato a imporre al Governo la blockchain nel processo elettorale?

E infine cita le elezioni in West Virginia in cui 144 (centoquarantaquattro) militari oltremare hanno votato usando “senza problemi”, a dire del Segretario di Stato, una piattaforma privata non ispezionabile chiamata Voatz[9] (ma se la piattaforma avesse avuto problemi come possiamo essere sicuri che il Segretario di Stato l’avrebbe saputo?). Voatz viene considerato una “terribile, orribile, sbagliata, molto cattiva idea”[10]. Possono essere questi i riferimenti (gli unici peraltro) che guidano il governo italiano ad adottare la blockchain nel processo elettorale?

Insomma, oltre ad essere dimensionalmente irrilevanti, questi esempi dimostrerebbero proprio come non deve essere neppure immaginato un sistema elettorale pubblico per le elezioni nazionali.

Il gruppo di esperti sulla blockchain

Di recente nomina c’è anche un gruppo di esperti sulla blockchain allestito dal vicepremier Di Maio, per l’adozione di questa tecnologia nei processi della PA, in cui peraltro la presenza di esperti provenienti dal campo della finanza è non casualmente alta. Viste le dichiarazioni di Di Maio, Casaleggio e gli altri del M5S sul voto elettronico e blockchain è chiaro che su di loro cadrà l’incombenza di dare un giudizio su questo tema. Si dimostreranno in grado di separare la realtà dei fatti dal tanto interessato rumore sull’argomento? Li vedremo fare dichiarazioni secondo “scienza e coscienza” o come Grillo, Casaleggio, Di Maio, Brescia, Tofalo e gli altri propagare queste e altre fake news? Li aspettiamo al varco, come è giusto che sia.

Dal mio punto di vista posso solo notare che nessuno tra i membri del gruppo dichiara nelle proprie note curriculari alcun expertise in campo democratico, di procedure elettorali o di diritto costituzionale.[11]

Spero che sappiano confrontarsi con il difficile tema del voto elettronico evitando l’errore di considerarlo solo un problema tecnologico da risolvere a colpi di algoritmi.[12]

______________________________________________________________

  1. “Davide Casaleggio sulle potenzialità della Blockchain – Lettera43.” 21 nov. 2018, https://www.lettera43.it/it/articoli/politica/2018/11/21/davide-casaleggio-blockchain/226628/. Ultimo accesso: 29 nov. 2018.
  2. “In Sierra Leone la prima votazione al mondo con sistema Blockchain ….” 20 mar. 2018, http://www.beppegrillo.it/in-sierra-leone-la-prima-votazione-al-mondo-con-sistema-blockchain/. La notizia, senza alcuna smentita, appare ancora sul blog alla data del 29 nov. 2018.
  3. “Così la blockchain può cambiare il modo in cui votiamo – Lettera43.” 3 apr. 2018, https://www.lettera43.it/it/articoli/politica/2018/04/03/blockchain-elezioni-bitcoin/219101/. Ultimo accesso: 29 nov. 2018. Anche qui nessuna smentita.
  4. “Parla Davide Casaleggio: «Il cambiamento travolgerà il mondo dei ….” https://www.laverita.info/il-cambiamento-travolgera-il-mondo-dei-burocrati-e-i-baroni-dellintellighenzia-davide-casaleggio-lintervista-2588987694.html. Ultimo accesso: 29 nov. 2018. Idem.
  5. Grazie alla nostra lettera al Direttore, Lettera43 smentisce la questione de “La bufala della votazione con la Blockchain in Sierra Leone – Lettera43.” 3 dic. 2018, https://www.lettera43.it/it/articoli/politica/2018/12/03/blockchain-casaleggio-beppe-grillo-sierra-leone/226995/. Ultimo accesso: 3 dic. 2018.
  6. Molto interessante questa analisi su perché Zugo è Zugo (e perché votano con la blockchain anche) “ZUGO: IL “PARADISO FISCALE” DELLA SVIZZERA, DOVE IL ….” https://www.miglioverde.eu/zugo-il-paradiso-fiscale-piazzato-al-centro-della-svizzera/. Accessed 28 Nov. 2018.
  7. “Blockchain and Elections: The Japanese, Swiss and American ….” 6 set. 2018, https://cointelegraph.com/news/blockchain-and-elections-the-japanese-swiss-and-american-experience. Ultimo accesso: 30 nov. 2018.
  8. “Tsukuba, Ibaraki – Wikipedia.” https://en.wikipedia.org/wiki/Tsukuba,_Ibaraki. Accessed 28 Nov. 2018.
  9. “West Virginia Secretary of State Reports Successful Blockchain Voting ….” 17 Nov. 2018, https://cointelegraph.com/news/west-virginia-secretary-of-state-reports-successful-blockchain-voting-in-2018-midterm-elections. Accessed 28 Nov. 2018.
  10. “Voatz: a tale of a terrible, horrible, no-good, very bad idea | TechCrunch.” 12 ago. 2018, https://techcrunch.com/2018/08/11/voatz-a-tale-of-a-terrible-horrible-no-good-very-bad-idea/. Ultimo accesso: 30 nov. 2018.
  11. “Blockchain – Membri del Gruppo di esperti.” https://www.mise.gov.it/index.php/it/10-istituzionale/ministero/2039024-blockchain-membri-del-gruppo-di-esperti. Ultimo accesso: 20 gen. 2019.
  12. “Voto elettronico, l’errore è farne un problema tecnologico | Agenda ….” 9 ago. 2018, https://www.agendadigitale.eu/cultura-digitale/voto-elettronico-lerrore-e-farne-un-prblema-tecnologico/. Ultimo accesso: 20 gen. 2019.

Richiesta di rettifica all’Agenzia Giornalistica Italia per un articolo sul voto elettronico

Gentile Direttore,

nell’articolo di Giovanni Lamberti «Il M5s vuole il voto elettronico per le prossime Politiche» del 20 gennaio 2019

https://www.agi.it/politica/voto_online_elettronico_m5s-4870759/news/2019-01-20/

sono presenti significative inesattezze che non possono non essere attribuite alla testata e al lavoro giornalistico svolto per la redazione dell’articolo per cui vi chiedo, in qualche forma, di porre rimedio, richiamando se possibile la rettifica nell’articolo originale in modo che i lettori possano farsi un’idea completa dell’argomento.

1. La Norvegia, citata molte volte in passaggi non intesi come citazione, ha abbandonato già nel 2014 il voto elettronico dopo test estesi e controllati.

https://www.regjeringen.no/en/aktuelt/Internet-voting-pilot-to-be-discontinued/id764300/

Anche le analisi preliminari ai test condotti  già nel 2011 verificarono che il voto norvegese fosse solo parzialmente compatibile con le Raccomandazioni del Consiglio d’Europa sulle elezioni.

https://www.regjeringen.no/globalassets/upload/krd/prosjekter/e-valg/evaluering/topic7_assessment.pdf

Anche dal punto di vista della velocità e dell’efficienza il voto non dimostrò un miglioramento definitivo nelle operazioni di conteggio e di produzione dei risultati.

https://www.regjeringen.no/globalassets/upload/krd/prosjekter/e-valg/evaluering/topic4_assessment.pdf

In definitiva la Norvegia rappresenta piuttosto uno dei migliori controesempi all’applicazione del voto elettronico visto anche il fatto che negli indici di democrazia occupa uno dei posti più alti, se non il primo, al mondo.

Visto che la sua testata vuole connotarsi con una particolare attenzione alle fonti, forse dovrebbe consigliare al giornalista, al suo prossimo articolo sull’argomento che evidentemente non padroneggia, di fare un minimo di ricerca cone le chiavi di ricerca su Google: come «norway e-voting» e limitarsi a leggere anche i soli  due  primi risultati.

2. L’intera affermazione: «…per avvicinarsi a Paesi baltici e scandinavi come l’Estonia e la Norvegia che da tempo usano l’e-voting» risulta fasulla. Non volendo fare ricerche più approfondite, sarebbe bastata una ricerca sull’apposita pagina di Wikipedia per accorgersi che dei paesi baltici e scandinavi nessuno, oltre l’Estonia, adotta il voto elettronico. La pagina Wikipedia è:

https://en.wikipedia.org/wiki/Electronic_voting_by_country

Non fidandosi, come è opportuno per un giornalista, di Wikipedia, anche qui una semplice ricerca su Google con le chiavi, ad esempio: «Latvia e-voting» o «Lithuania e-voting» si sarebbe facilmente potuto arrivare a fonti primarie valide.

3. L’affermazione «In alcuni Paesi europei come la Germania si è deciso di non seguire questa strada proprio per i problemi legati alla sicurezza» è falsa in quanto la Germania, attraverso una nota sentenza della Corte Costituzionale che tralasciava completamente gli aspetti tecnologici o relativi alla sicurezza, ha determinato che il voto elettronico risulta essere incompatibile con la Costituzione, con le fondamenta dello stato di diritto, della Repubblica e della democrazi stessa in quanto l’utilizzo di macchine per il voto, che registrano elettronicamente le scelte degli elettori e gestiscono l’aggregazione e la comunicazione del risultato elettorale, soddisferebbe i requisiti costituzionali solo se i passaggi essenziali del voto e della constatazione del risultato potessero essere esaminati in modo affidabile e senza alcuna conoscenza specialistica della materia da parte di qualsiasi cittadino.  Abbiamo integralmente tradotto la sentenza della Corte e pubblicata online qui:

https://crvd.org/sentenza-incostituzionalita-voto-elettronico/

La sicurezza quindi con la Germania non c’entra nulla. In compenso altre nazioni, come i Paesi Bassi, dopo un esteso uso del voto elettronico, lo hanno abbandonato, ufficialmente, per l’incapacità di garantire un processo elettorale sicuro e ordinato e messo al riparo da interferenze di eventuali potenze estere interessate a destabilizzare il processo democratico.

4.  «Si tratterebbe di una platea – secondo quanto è stato stimato – di circa un milione di persone, quante più o meno votano a votare [sic!] in Estonia con l’e-voting.»

Anche qui sarebbe bastata, se non una pregressa conoscenza della geografia, una superficiale lettura di Wikipedia avrebbe potuto consigliare al giornalista di non sparale così grosse in quanto ‘Estonia è un paese complessivamente di poco più di un milione di abitanti, centenari e neonati compresi. Neppure mettendo assieme tutte le votazioni mai tenute elettronicamente dagli anni 2000 ad oggi si arriverebbe alla cifra di un milione di votanti con l’e-voting. Secondo i dati riportati da Wikipedia nelle scorse tre votazioni  (2014,2015, 2017) hanno stabilmente votato circa 170.000 persone.

Non apro il capitolo delle volute omissioni, come ad esempio il grosso problema con le carte di identità estoni, come gli studi che mostrano come il voto elettronico invece di ridurre aumenta l’astensionismo e porta i cittadini a disaffezionarsi al processo elettorale (considerazione che ha portato alcuni paesi a limitare i progetti di e-voting). Per non parlare, ma questa è una piaga a sé, l’assoluta inconcludenza del collegamento tra blockchain e voto democratico di cui.

Sono certo di usa sua attenzione per questi temi così importanti per la democrazia e la sua disponibilità a ripristinare la verità dei fatti, la ringrazio fin da ora per il suo opportuno intervento.

Grazie,
Emmanuele Somma
[email protected]
Segretario del Comitato per i Requisiti del Voto in Democrazia
http://crvd.org

L’articolo:

Il M5s vuole il voto elettronico per le prossime Politiche

Il Movimento 5 stelle accelera sul voto onine alle prossime elezioni: l’idea per ora è quella di affidarsi a seggi elettronici in strutture pubbliche controllate dall’autorità. Ovvero di ricalcare alle Politiche il modello del referendum in Lombardia organizzato dall’allora governatore Maroni. Il presidente della Commissione Affari costituzionali della Camera, Brescia, nei giorni scorsi ha incontrato la società che gestì il voto online sull’autonomia regionale.

I pentastellati puntano a legare il percorso sui referendum propositivi – da martedì l’Aula della Camera è chiamata ad esprimersi – al cambio di passo anche sull’utilizzo delle tecnologie. A fine febbraio ci saranno degli eventi per cominciare a discuterne, mentre si è formato un tavolo tecnico al Viminale con il garante della Privacy, il ministero della P.a., l’agenzia per l’Italia digitale. Una delle idee appunto è quella di sperimentare sui referendum il voto elettronico e di studiare le modalità per avvicinarsi a Paesi baltici e scandinavi come l’Estonia e la Norvegia che da tempo usano l’e-voting. L’obiettivo è quello di arrivare alle Politiche con una “modernizzazione delle procedure elettorali”.

Elemento cruciale del sistema estone è che il voto online è collegato alle carte di identità elettroniche di ultima generazione che hanno tutti i cittadini e residenti. Le carte di identità digitali permettono l’autenticazione online del titolare in sicurezza e consentono di abbinare una firma digitale con l’account (quelle piu’ recenti includono una copia elettronica delle impronte digitali del proprietario).

Perché la Blockchain

In alcuni Paesi europei come la Germania si è deciso di non seguire questa strada proprio per i problemi legati alla sicurezza. M5s sta valutando una serie di proposte – nei giorni scorsi ci sono stati incontri anche con diversi costituzionalisti – per superare tutti i dubbi sul tavolo, assicurando che il voto sia sempre libero e segreto. Come? Si punta ad usare la Blockchain per la trasmissione dei dati e gli archivi digitali, ovvero la piattaforma che a detta del Movimento 5 stelle può garantire la sicurezza del voto in quanto non è mai stata violata dagli hacker. Lo scopo dei pentastellati è quello di aprire il confronto in sede parlamentare. Anche con le forze dell’opposizione. 

 L’11 ottobre scorso è stata approvata alla Camera la proposta di legge “elezioni pulite” che prevedeva un meccanismo a sostegno dei fuori sede, consentendogli di votare, già alle Europee, in un comune diverso da quello di residenza. La legge Nesci (dal nome della pentastellata che l’ha proposta) è pero’ ferma al Senato. L’obiettivo del Movimento è quello innanzitutto di agganciarsi a quel testo: ovvero far votare online alle Politiche gli studenti e i lavoratori fuori sede ma anche gli italiani all’estero. Si tratterebbe di una platea – secondo quanto è stato stimato – di circa un milione di persone, quante più o meno votano a votare in Estonia con l’e-voting.

Lo scopo innanzitutto è quello di combattere l’astensionismo, garantire che non ci siano brogli e anche ridurre le spese. Il percorso è partito proprio con il lavoro sui referendum propositivi. Ad ottobre un gruppo di deputati M5s ha presentato un’interrogazione al ministro dell’Interno per chiedere “anche in via graduale” l’introduzione “tout court” del sistema del voto elettronico. A febbraio M5s accelererà, lavorando proprio sull’identità digitale che tra l’altro verrà utilizzata anche per usufruire del reddito di cittadinanza.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a [email protected].